Natura Giuridica dell'Ente

Natura Giuridica dell'Ente

L'ente Kiasma – Abruzzo APS assume la figura giuridica di libera associazione non riconosciuta ( priva, cioè, del riconoscimento della personalità giuridica da parte dell'ordinamento giuridico).

Tale associazione si caratterizza come organizzazione stabile creata da un gruppo di cittadini per il perseguimento in comune di uno scopo ideale e non lucrativo.

La vita interna dell'ente è regolata esclusivamente dalla volontà degli associati.

L'associazione, come organizzazione collettiva, che, trova tutela e disciplina sia nella Costituzione, che nel Codice Civile.

In particolare, la Costituzione riconosce all'art.2, il diritto dell'individuo-cittadino di far parte di organizzazioni sociali; all'art.9, riconosce il diritto alla cultura ed allo sviluppo della propria personalità sociale; all'art.18, riconosce il diritto di associarsi liberamente per il perseguimento di fini non vietati dalle leggi penali; con riferimento alla normativa ordinaria, gli artt. 36, 37 e 38 del Codice Civile delineano la particolare fisionomia dell'associazione che, si pone e viene riconosciuta come soggetto distinto e diverso dagli associati, i quali ne formano la base sociale, ed, in quanto tale dispone di una propria autonomia patrimoniale e gode di una propria autonoma capacità negoziale e processuale, che si realizza attraverso le deliberazioni legittimamente assunte dagli organi sociali interni.

In definitiva, quindi, la associazione è un contatto tra più soggetti che si propongono e si impegnano a lavorare insieme per realizzare un interesse comune e condiviso.

L'ente è "una struttura aperta" nella quale possono confluire nuovi associati, senza che il loro ingresso modifiche la struttura di base posta in essere con l'atto costitutivo con riflessi sociali anche sulla comunità locale.

Gli artt. 1-2-3 della legge 9/11/2000 n. 383 disciplinano le realtà associative non riconosciute – Associazioni di Promozione Sociale, ad integrazione delle previsioni degli articoli 5 comma 4 e articolo 6 del D.Lgs 460/97 (riconoscimento finalità assistenziale dal Ministero degli Interni – agevolazioni fiscali – perdita qualifica di ente non commerciale), ovvero la finalità sociale- culturale – promozione umana – la natura privata aperta – solidale – adempimenti – statuto – regole democratiche.

Disciplina su Associazionismo – Legge Nazionale n. 383 del )/11/2000 – articoli 2 e 3 – Decreto Legislativo n. 460 del 4/12/1997 – articolo5 – Legge su Volontariato n. 266/1991 – Legge 398/1991 Associazioni Sportive dilettantistiche.

Disciplina norme fiscali agevolative : T.U. D.p.r. n.917 del 22/12/1986 – articolo 143 e 148 e seguenti – D.p.r. n.633 del 26/10/1972 IVA – articolo 4 – Legge 287/1991 – rilascio autorizzazioni – somministrazioni alimenti – D.p.r. n. 600/1973 – articolo 20 – D.p.r. n.131/1986 – imposta di registro – articolo 5 – D.p.r. n. 235 del 4/$/2001 – articolo 2 – Testo Unico Pubblica Sicurezza R.D. n. 773 del 18/06/1931 art. 86 – 100 (Autorizzazioni somministrazioni Enti Locali Comune) – DIA – Legge 241/90 successive modifiche art.19 (semplificazione amministrativa) – Direttiva Europea ex bolken sui servizi conferma DIA anno 2010 D.lgs 59 del 26/3/2010 – 2006/123 – Decreto Legge n.185 del 29/11/2008 convertito in legge 28/01/2009 n.2 – art.30 mod 3 EAS ridotto (censimento fiscale) – Tributo IRAP non dovuto Dpr 917 e D.lgs 446 – Tassa insegna esente (art.20 Dpr 630 del 26/10/1972).


Utilizziamo i cookie per assicurarvi la migliore esperienza nella navigazione del sito.
Proseguendo la navigazione nel sito si presta il consenso all'uso dei cookie. Clicca qui per maggiori informazioni.