News&Appuntamenti

Fondazione MAXXI, Palazzo Ardinghelli e non solo

Fondazione MAXXI, Palazzo Ardinghelli e non…

Nel corso del Festival della Partecipazione, alla presentazione dell’Urban Center, il primo cittadino Massimo Cialente ha dato una piccola anticipazione di quello che sarà il MAXXI all’Aquila.

“Un centro pedonalizzato e pieno di attività com'è il museo Maxxi. Stiamo pensando che palazzo Ardinghelli non sarà sufficiente a contenerlo, ma potremmo trasferirne una parte nell’ex convento di Santa Maria dei Raccomandati, lungo il corso stretto, ex sede del Museo civico”.

L'ex convento ha subito un duro colpo dal sisma del 2009 e diventerà uno dei principali cantieri del centro. L’opera di restauro è complessa visto che si trattava della sede del museo civico e del Comune ancor prima, l’Argentina si era fatta avanti per curarlo ma vista la destinazione, sarà la fondazione MAXXI a prenderne l’incarico. Possiamo dire che i due musei nazionali del XXI secolo saranno l’uno il prolungamento dell’altro, legandosi a doppio filo. La prima casa abruzzese del museo romano, Palazzo Ardinghelli, è stata restaurata dal Governo della Federazione Russa; sia Dario Franceschini ministro ai beni culturali e le attività culturali, che la presidente della fondazione MAXXI Giovanna Melandri, hanno apprezzato l’edificio settecentesco per la sua importanza e il posizionamento. A fare da padrone di casa ai primi visitatori del futuro MAXXI  dell’Aquila si è proposto l’abruzzese Ettore Spalletti, che ha espresso pubblicamente il desiderio di donare una sua opera al museo.

Vai alle news

Utilizziamo i cookie per assicurarvi la migliore esperienza nella navigazione del sito.
Proseguendo la navigazione nel sito si presta il consenso all'uso dei cookie. Clicca qui per maggiori informazioni.